Aria from the Baroque opera "Paride ed Elena" by Christophe Willibald Gluck with libretto by Ranieri de' Calzabigi.

Lyrics


O del mio dolce ardor
Bramato oggetto,
L’aura che tu respiri,
Alfin respiro.

O vunque il guardo io giro,
Le tue vaghe sembianze
Amore in me dipinge:
Il mio pensier si finge
Le più liete speranze;
E nel desio che così
M’empie il petto
Cerco te, chiamo te, spero e sospiro.

O del mio dolce ardor
Bramato oggetto,
L’aura che tu respiri,
Alfin respiro.